Straordinario successo dei due bandi per imprese venete. Marcato: “Chiusi prima del previsto. PMI venete sempre reattive”

L'assessore regionale allo Sviluppo Economico Roberto Marcato (foto da profilo Facebook)

A seguito dello straordinario successo di risposta da parte del territorio, sono stati chiusi prima della data prevista i primi due bandi a sostegno delle imprese venete, relativi al Programma Operativo Regionale del Fondo Europeo di Sviluppo Regionale (POR FESR) per il periodo 2014–2020. Ne dà notizia l’assessore regionale allo sviluppo economico, energia, ricerca e innovazione Roberto Marcato. “L’esito così tempestivo di questi bandi – mette in evidenza l’assessore – dimostra che siamo riusciti ad intercettare una precisa esigenza delle imprese venete, facendo sistema. Il lavoro preparatorio per giungere alla stesura dei bandi è stato infatti condiviso con le associazioni di categoria e le università. A consentire un risultato così celere ha contributo inoltre la professionalità dei dirigenti e dei funzionari regionali”.

 

Il primo bando, dedicato alle nuove imprese del settore manifatturiero, delle costruzioni, del commercio e dei servizi, era stato aperto soltanto il 13 luglio scorso ed è stato chiuso il 19 luglio (prima della data prevista del 26 luglio) in quanto la nuova misura messa a punto dalla Regione ha trovato una rispondenza nel territorio superiore alle aspettative. E’ stata infatti raggiunta allo sportello automatico predisposto per la ricezione delle domande la soglia massima prevista, pari a 9 milioni di euro, a fronte di una disponibilità di 4,5 milioni di euro.

Il secondo bando per start-up innovative è stato aperto lunedì 18 luglio e ha raccolto in pochi giorni 53 adesioni per la nascita e 80 per il consolidamento per una richiesta di contributo, rispettivamente di euro 6.902.320 e di euro 1.265.321, rispetto ad uno stanziamento di 5 milioni messo a disposizione dalla Regione nell’ambito di più iniziative a favore delle imprese venete, finalizzate alla realizzazione di progetti innovativi con l’obiettivo di aumentare la competitività del sistema produttivo regionale attraverso lo sviluppo di nuova cultura imprenditoriale.

“In generale – conclude l’assessore – la positiva esperienza di questi bandi conferma ancora una volta come il tessuto produttivo veneto, fatto di piccole e medie imprese, sia assolutamente reattivo e, nonostante la crisi economica e la difficoltà di accesso al credito, pronto a raccogliere le nuove sfide per l’innovazione, lo sviluppo e la competitività”.

This entry was posted in Regione del Veneto and tagged , , , , , . Bookmark the permalink.