Il Veneto avvia il percorso per ridefinire l’Agenda Digitale 2020

“L’Agenda Digitale del Veneto è il documento di programmazione che serve a guidare strategicamente l’azione dell’amministrazione regionale per supportare lo sviluppo dell’economia e della società sul piano dell’informatizzazione e delle tecnologie digitali. L’obiettivo è contribuire alla costruzione di un nuovo Veneto, per tutti i cittadini, per le imprese, per gli enti pubblici, per le associazioni, insomma  per tutto il nostro territorio”.

Ad evidenziarlo è il vicepresidente della Regione Gianluca Forcolin annunciando l’avvio del percorso che nei prossimi mesi porterà alla ridefinizione dell’Agenda Digitale del Veneto in prospettiva 2020.

“Sarà prima di tutto – spiega Forcolin – un percorso per ascoltare, capire e recepire le indicazioni, i suggerimenti, i progetti che vengono dal territorio: a partire dalla prossima settimana, sono in programma dieci incontri nelle sette province venete, organizzati con tavoli di confronto e ascolto. Vogliamo individuare insieme le priorità e i principali progetti digitali sul quali il Veneto si impegna ad investire nei prossimi anni per colmare il divario che separa la nostra regione rispetto alle altre realtà del Nord Europa”.

“Credo sia ormai convinzione comune – aggiunge il vicepresidente – che il digitale sia ormai imprescindibile e fondamentale nel nostro lavoro, nella sanità, nei rapporti con la pubblica amministrazione, nelle imprese. Realizzare bene l’Agenda Digitale del Veneto significa poter contare su basi solide per il futuro del nostro territorio”.

Il percorso avviato coinvolgerà tutta la giunta regionale e gli assessori si sono resi disponibili, assieme ai loro uffici, a partecipare alla stesura di questo importante documento e a presenziare agli incontri che si svolgeranno sul territorio nelle prossime settimane. “C’è la massima consapevolezza -  sottolinea Forcolin -  che il digitale non è più solo un tema da informatici ma riguarda tutti i settori”.

In questo lavoro è stato coinvolto anche un gruppo di esperti di primissimo livello, esterni all’amministrazione regionale, che a titolo gratuito lavoreranno con la Regione per raccogliere le indicazioni provenienti dal territorio e aiutare ad avere una visione di prospettiva nei temi di loro competenza.

La nuova Agenda Digitale sarà un documento “aperto”, da aggiornare di anno in anno vista l’elevata obsolescenza di tutti i temi collegati al digitale. E’ stato previsto anche uno spazio (un sito internet) dove tutti potranno dare suggerimenti e proposte.

Gli incontri si concluderanno nella prima settimana di marzo, per arrivare entro giugno all’approvazione e alla presentazione della Agenda Digitale del Veneto 2020. “Sarà possibile accedere alle risorse europee, nazionali e anche a fondi regionali. Ma – conclude Forcolin – vogliamo partire dalle idee, dai progetti, dalle strategie condivise e poi trovare le risorse”.

This entry was posted in Regione del Veneto and tagged , . Bookmark the permalink.