Direttiva ‘’Bolkestein’’ e commercio su aree pubbliche. Marcato: “Provvedimenti per tutelare e valorizzare quest’importante attività”

“La giunta regionale ha adottato una serie di provvedimenti con cui ha inteso dare la più ampia valorizzazione all’esperienza lavorativa in un importante settore dell’economia veneta: quello degli ambulanti che in Veneto sono oltre 10 mila. Il 99% delle imprese è a gestione familiare. Applicare la direttiva “Bolkestein” così com’è, in maniera indifferenziata sui territori, ci avrebbe fatto perdere questo patrimonio professionale e di tradizione, che è anche presidio nei centri storici. Abbiamo cercato quindi di modulare la sua applicazione e salvaguardare un’offerta commerciale legata al territorio ed alla popolazione. Sarò sempre a fianco dei veneti in questa battaglia per la valorizzazione delle nostre realtà produttive”.

A dirlo è l’assessore regionale allo sviluppo economico e al commercio Roberto Marcato dando notizia che nella odierna seduta di giunta sono stati approvati alcuni provvedimenti in materia di rinnovo delle concessioni per l’esercizio del commercio su aree pubbliche nei mercati e nelle fiere del Veneto. Nei prossimi mesi, in conseguenza dell’entrata in vigore della Direttiva Servizi dell’Unione Europea (conosciuta anche come “Direttiva Bolkestein”) e dei relativi provvedimenti di attuazione statali, i Comuni dovranno infatti affrontare il rinnovo di queste concessioni.

La Regione del Veneto, dopo aver adottato lo scorso giugno i criteri applicativi a tutela degli operatori che attualmente esercitano l’attività nei posteggi esistenti, ha recepito ora il Documento Unitario della Conferenza delle Regioni e Province Autonome del 3 agosto 2016 con riferimento a come applicare concretamente talune disposizioni dell’Intesa. Inoltre, al fine di agevolare i Comuni nel delicato iter di riassegnazione dei posteggi dei mercati e delle fiere sono stati anche predisposti, in conformità al Documento Unitario, i facsimili del bando di assegnazione, del modello di domanda e, inoltre, dell’avviso da pubblicare nel Bollettino Ufficiale al fine di pubblicizzare l’avvio delle procedure. I facsimili potranno in ogni caso essere liberamente modificati dai Comuni al fine di adeguarli alle specificità del proprio territorio.

Con un altro provvedimento è stato disposto che, in base alle intese tra Regioni, i criteri di selezione per l’assegnazione di posteggi per il commercio su are pubbliche vengano applicati anche alle attività di somministrazione di alimenti e bevande, artigianato e rivendite di quotidiani che siano svolte su aree pubbliche, premiando la maggiore professionalità acquisita da intendersi sia come anzianità di impresa che come anzianità di esercizio in loco.

This entry was posted in Regione del Veneto, Unione Europea and tagged , . Bookmark the permalink.