Proprietà intellettuale: come impostare la giusta strategia

È tempo di parlare di Proprietà intellettuale. Il 26 aprile sarà celebrata la giornata mondiale della proprietà intellettuale che ci ricorda come i diritti di proprietà intellettuale (IP) incoraggino i processi di ricerca e invenzione e supportino la crescita e l’innovazione. Quindi qual è il ruolo dell’IP nella tua strategia aziendale?

Quando si parla di proprietà intellettuale (IP), le persone spesso si concentrano strettamente sulla protezione. Questo è un errore.

La protezione è sicuramente importante – funziona come una polizza assicurativa sugli investimenti fatti in ricerca e sviluppo e la creazione di nuove idee. Tuttavia, quando parliamo di innovazione e competitività, la proprietà intellettuale deve essere considerata per il valore generato dall’introduzione di prodotti, servizi e processi, nuovi o migliorati, e la gestione dell’IP diventa cruciale per l’appropriazione e la gestione di tale valore.

In effetti, l’IP ha un ruolo strategico come fattore abilitante fondamentale per la competitività, l’innovazione e la crescita.

 

Proprietà intellettuale come parte essenziale di una strategia aziendale

Innovazione e competitività sono due elementi importanti e correlati che determinano il livello di crescita di un’economia. È importante che le aziende cerchino strategie che le aiutino ad innovare e ad essere competitive sul mercato. La strategia IP è una parte essenziale di questo.

Ogni organizzazione dovrebbe includere brevetti, marchi, disegni, diritti d’autore e segreti commerciali e la loro gestione nella propria strategia aziendale.

Come si può fare questo? La scelta del corretto approccio di gestione IP dipende dal modello di business di un’azienda, dal settore tecnologico e dal tipo di mercato in cui opera.

Che cosa cercare nella propria strategia IP

Ecco cinque scenari di business in cui Enterprise Europe Network opera con i suoi servizi a supporto delle PMI, con alcune informazioni su cosa guardare quando si tratta di IP.

 

1. Internazionalizzazione

La consulenza sulla gestione dell’IP è essenziale per preparare la giusta strategia di marketing, al fine di evitare la violazione dei diritti connessi ad altri prodotti esistenti sui mercati esteri e prepararsi meglio alla concorrenza. È anche importante essere pronti a mettere in atto procedure di confidenzialità con nuovi distributori e fornitori.

2. Innovazione

Assicurarsi di valutare appieno il ruolo dell’IP come fattore abilitante nella gestione dell’innovazione. Una strategia IP per l’innovazione dovrà includere la ricerca di anteriorità e la verifica della libertà di operare svincolati da diritti altrui, la creazione di procedure di circolazione ,interna e con partner esterni, dei segreti commerciali, l’articolazione del valore che si sta creando, utilizzando diverse le caratteristiche delle diverse tipologie di diritti di proprietà intellettuale, e una chiara strategia di gestione e condivisione dell’ IP tra i partner dei progetti di innovazione collaborativa.

3. Trasferimento di Tecnologia, intermediazione e commercializzazione dell’IP

La gestione IP durante i processi di trasferimento di tecnologia e Open Innovation è importante durante la preparazione di profili di offerta tecnologica o di scouting tecnologico. Una volta identificati i partner giusti, la gestione dell’IP dovrà far parte delle procedure di riservatezza per le riunioni iniziali, le successive fasi di negoziazione e le future relazioni con i licenziatari.

4. Scale-up and accesso ai finanziamenti

Il ruolo dell’IP cambia nel tempo mentre un’azienda si sviluppa attraverso le diverse fasi della sua vita commerciale. La strategia e la gestione dell’IP devono svilupparsi insieme all’azienda, supportandola man mano che evolve dalla fase di start-up a quella di impresa più matura. Per supportare l’accesso ai finanziamenti (prestiti, VC, ecc.), i business plan devono includere una valutazione corretta delle proprietà intellettuale e di tutti gli asset intangibili. In questa fase, un’azienda può anche cercare di creare uno start-up / spin-off o una nuova iniziativa imprenditoriale basata sullo sfruttamento del proprio IP.

5. IP nei Programmi pubblici di finanziamento come Horizon 2020

È importante esaminare la gestione della conoscenza e la condivisione della proprietà intellettuale negli accordi di consorzio nei progetti sostenuti dal Programma Quadro per la Ricerca e l’innovazione, Horizon 2020. Dovranno esserci procedure ex-ante di due diligence per progetti di ricerca e sviluppo così come dovrà esserci una strategia IP per lo sfruttamento internazionale dei risultati.
Proprietà intellettuale: supporto dalla rete Enterprise Europe Network

 

La Commissione Europea ha istituito l’European IP Helpdesk per aiutare le Piccole e Medie Imprese (PMI) europee e fornire informazioni sulla gestione e sulle procedure IP, pubblicando schede informative e casi di studio, e organizzando workshop e webinar. L’European IP Helpdesk coordina, inoltre, un gruppo di oltre 50 Ambasciatori IP in tutta Europa.

Questi ambasciatori sono gli esperti di proprietà intellettuale di Enterprise Europe Network. Gli Ambasciatori forniscono un supporto di primo soccorso su argomenti legati all’IP e identificano le iniziative e gli strumenti più utili dell’European IP Helpdesk per quella specifica attività utile all’impresa che si rivolge a loro.

Nonostante tutte le informazioni disponibili anche attraverso altre iniziative,infatti, molte PMI continuano a trovare difficoltà nell’integrare la gestione dell’IP nelle loro strategie di business e di innovazione. Con oltre 3.000 consulenti che si occupano di internazionalizzazione, trasferimento tecnologico, innovazione, Horizon 2020, scale-up e accesso ai finanziamenti, la rete Enterprise Europe Network può fornire questa assistenza.

 

Quindi, sì, quando si tratta di IP, #EENCanHelp.

 

Marco Gorini

Veneto Innovazione SpA – Enterprise Europe Network

This entry was posted in EEN, Veneto Innovazione and tagged , , , , . Bookmark the permalink.